Coronavirus: chiarimenti su DPCM 01/03/2020 e sulle indicazioni ASL Modena 02/03/2020. No aggiornamento DVR

Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,

Per rispondere alle molteplici domande di questi giorni, condividiamo il testo (PDF) del D.P.C.M. 01/03/2020 annotato ed evidenziato opportunamente da noi per agevolare la comprensione della lettura.
Le misure indicate, infatti, sono differenti per zone a maggior rischio o per Modena che attualmente non è definita in tale condizione.

Le regole restano sostanzialmente quelle di prudenza e buone prassi igieniche. Rinviamo all’articolo che avevamo già messo on-lineCoronavirus, regole generali e prudenza ma niente panico!” (sulle mascherina abbiamo aggiunto una nota integrativa).
Continua a leggere

Fitbit predice l’influenza? Secondo questo studio diventerà possibile

Tag

, , , ,

Fitbit è un azienda americana con sede in Californa, a San Francisco. Sviluppa e produce dispositivi indossabili e wireless per il monitoraggio della salute e dell’attività fisica; ora i parametri misurati sono, tra gli altri: i passi effettuati, piani saliti, distanza percorsa, calorie bruciate e battito cardiaco.

E’ proprio su quest’ultimo parametro che è stata effettuata l’analisi pubblicata su The Lancet Digital Health. Lo studio parte infatti dal presupposto che le infezioni acute, come appunto l’influenza, inducono nell’individuo un battito cardiaco a riposo elevato durante il sonno. Continua a leggere

Coronavirus, regole generali e prudenza ma niente panico!

Tag

, , , , , , , , , , , , ,

immagine coronavirus (fonte ASP Reggio Emilia)

immagine coronavirus presa da sito ASP Reggio Emilia via twitter

Si stanno diffondendo informazioni sbagliate e timori che, per quanto comprensibili, rischiano di eccedere rispetto ai fatti e al buon senso. Già stamattina riceviamo chiamate per sapere se confermeremo i corsi della settimana, se i lavoratori debbano stare a casa, se nella valutazione dei rischi abbiamo previsto la situazione ecc.

Dunque eccoci con qualche chiarimento, anche in merito all’ordinanza della Regione Emilia Romagna. Per talune informazioni, come già per l’ordinanza, rinviamo a fonti ufficiali piuttosto che cimentarci in attività informativa in senso stretto. Di seguito riassumiamo le regole di interesse in base alle preoccupazioni avanzate durante le telefonate di stamattina o ai messaggi ricevuti.  Continua a leggere

Il garante multa Eni Gas e Luce per telemarketing e contratti non richiesti per 11,5 milioni

Tag

, , , , ,

Sono stati circa 7200 i consumatori vittima delle condotte scorrette di Eni gas e luce (Egl). Dall’indagine è risultato come, nell’acquisizione di nuovi clienti mediante alcune agenzie esterne, vi fossero degli errori nell’organizzazione e nei gestionali.

L’Egl ha ricevuto due sanzioni: la prima, da 8,5 milioni di euro, in riguardo ad attività di telemarketing e teleselling mentre la seconda, da 3 milioni di euro, riguardante violazioni nella stipulazione di contratti non richiesti.

Per ulteriori informazioni: notizia ufficiale sul sito del garante privacy

La Cassazione si esprime: ai riders vanno riconosciute le tutele del lavoro subordinato

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , ,

24 gennaio 2020 – La Corte Suprema di Cassazione, con sentenza n. 1663, mette un punto decisivo nel food delivery affermando che ai riders (anche se collaboratori) si applica la disciplina del lavoro subordinato.

La linea poteva essere sottile, ma la sentenza risulta piuttosto chiara e le motivazioni sono frutto di ragionamenti precisi che non lasciano dubbi di interpretazione. E’ così che la Cassazione ha respinto il ricorso della Foodinho Srl:

In una prospettiva così delimitata non ha decisivo senso interrogarsi sul se tali forme di collaborazione (…) siano collocabili nel campo della subordinazione ovvero dell’autonomia, perché ciò che conta è che per esse, in una terra di mezzo dai confini labili, l’ordinamento ha statuito espressamente l’applicazione delle norme sul lavoro subordinato (…).

Senza ombra di dubbio l’art. 2 del D.Lgs. 81/2015 costituisce norma di apertura per la disciplina di quelle forme di collaborazione, continuativa e personale, che si trovano nella c.d. zona grigia, in quanto meritevoli di una tutela omogenea.

Testo della sentenza (PDF) disponibile su www.dottrinalavoro.it (notizia qui)